T’amai senza che lo sapessi e cercai la tua memoria.Nelle case vuote entrai con una lanterna a rubare il tuo ritratto. Ma io sapevo gia’ come eri. D’improvviso.

I Poeti lavorano di notte,quando il tempo non urge su di loro,e termina il linciaggio delle ore, I Poeti lavorano nel buio come falchi notturni od usignoli dal dolcissimo canto e temono di offendere Iddio. Ma i poeti nel loro silenzio fanno ben piu’ rumore di una dorata cupola di stelle.               (A.Merini)